L’Abuela Margarita

abuelaviso“Sono nata in Messico. La mia formazione viene dalla conoscenza degli antenati e degli anziani di tradizione indigena. Questa conoscenza è presente ovunque nel pianeta. In America, con la conquista, sembrava essersi persa, ma ha continuato a tramandarsi oralmente e passando da labbra a udito è giunta fino ad oggi. Noi siamo qui per ricordarla”. Margherita Nunez, anziana donna medicina, ha parole profonde e semplici allo stesso tempo, infondono a chi le ascolta una piacevole sensazione di pace, di armonia e di benessere. Margarita Nunez viene soprannominata in modo affettuoso l’Abuela, la “Nonna” perché in questa tradizione essere “nonni” è ancora sinonimo di saggezza e di consapevolezza. Di etnia india Chichimeca, l’Abuela Margarita è riconosciuta come una grande guida e maestra spirituale, depositaria di antiche tradizioni sciamaniche. Viaggia in tutto il mondo, portando la sua parola, le sue preghiere ed i suoi canti, canti di potere e di medicina. E’ una dei membri del Consiglio Intertribale degli Anziani d’America, portatrice della Sacra Pipa e praticante dei rituali della Danza del Sole, della Terra e della Luna. Conduce ricerche di visioni, pratiche sulla ruota di medicina e cerimonie di Temazcales, le capanne di sudoreTemazcal. “Per noi”, continua l’Abuela Margarita, “Il Temazcal è medicina. Le pietre si mettono al fuoco e diventano rosse, si usa l’acqua che si vaporizza al contatto con le pietre e così abbiamo l’aria. Poi mettiamo le preghiere. Le realizziamo in tela di cotone, o lino, piccole borse di tabacco dei sette colori delle sette direzioni: l’est, il sud, l’ovest, il nord, il cuore della terra, il cuore del cielo ed il centro. Il tabacco è una pianta sacra per noi, non un vizio, serve per pregare, per chiedere permessi. Le preghiere si fanno affinché tutte le forme di vita delle direzioni ci aiutino nel Temazcal, per lasciare andare tutto quello che non necessitiamo, per sciogliere tutta la ruggine che inquina il nostro campo energetico, per ringraziare l’universo di essere Uno con il Grande Spirito, per rinascere ancora una volta dal Sacro Ventre della Madre Terra e curare tutte le nostre emozioni. Questo è il Temazcal.” Con parole, racconti e cerimonie sacre l’Abuela Margarita ricorda la grande lezione lasciataci dei suoi antenati, il rispetto e la cura per la Madre Terra e l’amore per noi stessi e per ogni forma vivente. Da molti anni viaggia in tutto il mondo portando con sé la tradizione del suo popolo, mantenendo viva l’eredità della cultura degli Anziani nativi. Con umiltà l’Abuela Margarita viene a ricordare con noi il nostro potere, il valore e la sacralità della vita, il Grande Spirito che abita in noi e l’eterna danza della relazione fra il maschile ed il femminile, l’Ometeotl che in lingua Nauatl significa la dualità sacra che esiste dentro ognuno di noi.

Ho conosciuto l’Abuela Margarita nel 2003, incontrandola ogni anno, seguendo i suoi insegnamenti e praticando con lei cerimonie e rituali fra le quali la capanna di sudore e la ricerca di visione.

line
footer
Powered by WordPress | Designed by Elegant Themes